Autogiro

Il primo autogiro costruito in Italia, è una libera interpretazione del Bensen B-7M costruita da un gruppo di appassionati guidato dal Comandante Ferruccio Vignoli, già pilota da caccia nella seconda GM e poi Direttore della Scuola Volo Motore dell’Aero Club Torino. Venne anche fondata la STARSezione Torinese Ala Rotante dell’Aero Club Torino. L’autogiro fuoriserie del Comandante Vignoli, dotato di un quattro cilindri a due tempi McCulloch O-100-1 da 74 hp con elica bipala in legno, ebbe una vita breve ma intensa. Presumibilmente nel 1963, ancora senza motore, l’autogiro effettuò alcuni voli al traino di un automobile, per verificare la funzionalità del rotore. Dopo l’installazione del gruppo motopropulsore, l’autogiro effettuò qualche prudente balzo con finte marche “I-STAR” ma in seguito, per un motivo non noto, assunse l’identità altrettanto fittizia di “I-SART”. Durante un volo di prova a seguito di un banale incidente, il rotore tranciò il timone dell’autogiro e Vignoli, a questo punto, decise di accantonare il velivolo. La sezione del GAVS di Torino ereditò poi il velivolo ed effettuò il restauro nel periodo 2005-2011, affidando ad un gruppo di appassionati di Forlì la revisione del motore. L’elica è stata completamente ricostruita partendo da un blocco di massello multistrato ed il timone è stato riparato e ritelato.

Advertisements